Posts Tagged ‘Febronia di Patti’

h1

PATTI | FESTA LITURGICA DI SANTA FEBRONIA | 2018

4 luglio 2018

Nella giornata di domani, Patti vivrà la prima delle due celebrazioni (la seconda si terrà nell’ultima domenica di luglio) previste in onore della Patrona della Città, Santa Febronia. Si tratta della festa liturgica, in occasione della quale i pattesi ricordano il martirio della giovane donna che, secondo la tradizione orale, fu uccisa dal padre che non ne accettò la volontà di vivere secondo saldi e profondi principi cristiani.
Le agiografie ufficiali, in verità, narrano di Febronia di Nisibis, la cui vicenda si sarebbe svolta presso l’attuale Nusaybin, in Turchia, rifiutando invece la tesi delle origini pattesi della Santa. VAI ALLA STORIA DI FEBRONIA DI NISIBIS

Ma la tradizione orale che si tramanda da lunghissimo tempo a Patti, invece, “rivendica” con forza l’appartenenza di Febronia ai luoghi più antichi della città, in particolare al quartiere “Pollini”, cuore del centro storico. Qui, nel quarto secolo dopo Cristo e mentre alla guida di Roma vi era l’Imperatore Diocleziano, la martire – secondo le memorie tramandate – aveva la propria dimora, proprio nel punto in cui oggi sorge la piccola chiesa a lei dedicata.
Battezzata dal Vescovo Sant’Agatone laddove oggi si trova la contrada “Acquasanta” (il cui nome è evidentemente legato all’evento), la giovane Febronia fece propri e volle incarnare i valori più profondi del Cristianesimo, compresa la scelta di mantenersi vergine e di non contrarre matrimonio. Dunque, il cruento martirio ebbe origine in questa ferrea volontà, alla quale il padre non volle piegarsi. Quest’ultimo, sempre secondo la antica e diffusa tradizione orale, raggiunse la figlia presso l’odierna frazione marina di Mongiove, dove la stessa aveva trovato rifugio ed in questo luogo, accecato dall’ira, la uccise, gettando il corpo in mare.
Le spoglie della giovane martire furono trasportate dalle acque fino a Minori, cittadina della costiera amalfitana: anche per i minoresi Santa Febronia è la patrona cittadina, ma sotto il nome di Santa Trofimena; è proprio presso Minori che ne vengono conservate le reliquie.

Al di là dei contrasti tra gli studiosi e gli agiografi, ciò che rimane e, probabilmente, che più conta per i cittadini pattesi, è la viva e convinta devozione nutrita verso la Patrona, sempre invocata nei momenti storici più difficili vissuti dalla Città.
Questo profondo attaccamento a Santa Febronia si concretizzerà domani nelle celebrazioni liturgiche, nella processione per i vicoli del centro storico e nel momento di “una rosa per Santa Febronia”, questi ultimi curati da Daniele Greco, uno dei fedeli pattesi più ferventi ed affezionati alla Patrona ed alle tradizioni locali.
Questo il programma: Alle ore 7.30 la Santa Messa; alle ore 9.15 il raduno in piazza Marconi per “Una rosa per Santa Febronia”; si andrà al seguito della banda in pellegrinaggio verso la chiesa di Santa Fibruniedda nel quartiere Pollini; alle 10.30 nuovamente la Santa Messa; alle ore 11.30 la processione per le vie del quartiere; alle ore 12.00 Atto di affidamento della Città a Santa Febronia in Piazza Municipio; alle ore 19.00 Santa Messa in Cattedrale; alle ore 19.45 la solenne esposizione delle sacre reliquie in Cattedrale.

Benito Bisagni (vai all’articolo originale)

Annunci
h1

MINORI e PATTI unite in SANTA FEBRONIA | A luglio il pellegrinaggio dei minoresi

20 gennaio 2018

Dal 27 al 30 luglio la Comunità Ecclesiale di Minori si recherà in pellegrinaggio a Patti, in Sicilia, per rendere omaggio ai luoghi tradizionalmente legati alla leggenda e al culto di Santa Febronia-Trofimena, che le due città venerano come Patrona. La delegazione di fedeli accompagnerà nella cittadina siciliana le reliquie e il venerato simulacro di Santa Trofimena; un evento che si rinnova dopo 50 anni dall’ultima volta e che dovrà attenderne altri 25 perchè si ripeta.

Secondo un’antica leggenda orale – supportata solo da qualche manoscritto e da opere bibliografiche di autori locali relativamente recenti – la cittadina amalfitana di Minori condivide con quella siciliana di Patti la devozione a Santa Febronia, la giovane mistica vissuta a cavallo tra il III e il IV secolo a Sibapoli Nisibis, in Siria, dove, dopo una vita interamente spesa all’interno di una comunità religiosa, subì il cruento martirio (uno dei più atroci ricordato dalla Chiesa) nella persecuzione contro i cristiani indetta dall’imperatore Diocleziano (il 25 giugno dell’anno 305). Il culto di questa santa si propagò dall’Oriente all’Occidente, giungendo anche nelle regioni del Sud-Italia interessate dall’influenza dei bizantini. Tracce di questo culto sono rintracciabili a Trani, in Puglia, dove, secondo la tradizione, il corpo giunse via mare da Costantinopoli, quindi nella costiera amalfitana, a Minori, e in Sicilia, a Patti (ME) e Palagonia (CT).

Giuseppe Damigella o.p.
S. Febronia
acrilico su carta, 2004

La leggenda popolare di Patti l’ha invece trasformata in una giovinetta nativa del luogo che, pur appartenendo ad una famiglia agiata di origine pagana, conobbe la fede cristiana e fu battezzata dal vescovo S. Agatone ad una fonte, divenuta poi miracolosa, situata in una località detta per questo “Acqua Santa”. La giovane Febronia, abbandonato il paganesimo, si consacrò a Cristo facendo voto di verginità e, a causa di questa scelta, dovette subire angherie di ogni genere da parte del padre, che già aveva in serbo per lei altri progetti di vita. Per sfuggire infine alla collera paterna si nascose presso le grotte del Mons Iovis, presso l’attuale località di Mongiove. Ma il padre, scopertone il rifugio, la raggiunse e, accecato dall’odio per la fede cristiana, la uccise gettandone il corpo in balia delle onde. Il corpo della martire, trasportato prodigiosamente dal mare, fu rinvenuto da una lavandaia sulla spiaggia di Minori, e da questo prodigioso evento la devozione verso Santa Febronia si diffuse rapidamente anche fra gli abitanti di Minori. Difficile, e a tratti inesplicabile, rimane la spiegazione di come Febronia sia poi divenuta anche Trofimena; le notizie a riguardo, pur continuando a stabilire che si tratti della stessa santa, non forniscono spiegazioni sufficientemente chiare e storicamente suffragabili. Rimane il fatto che, per quanto a Minori Febronia sia chiamata Trofimena, i fedeli ne hanno sempre affermato il legame con la cittadina pattese. A Patti, in un’artistica urna d’argento conservata nella cattedrale di San Bartolomeo, si custodiscono quelle che si ritengono essere alcune reliquie della santa, donate in più occasioni dai minoresi.

Santa Febronia. Trani, Museo Diocesano

La città di Palagonia, rimasta invece fedele alla versione agiografica della vita e del martirio di Santa Febronia di Sibapoli Nisibis, storicamente più plausibile, oltre che più antica e accreditata dagli studiosi (tra i quali, citiamo i più recenti: Reginald Gregoire, Paolo Chiesa, Giuseppe Maggiore e Maria Stelladoro), la venera anch’essa come Patrona con solenni celebrazioni che culminano il 25 giugno di ogni anno, Dies Natalis di Febronia, secondo quanto confermato dal Martirologio Romano. La cittadina del catanese possiede come reliquia la falange del pollice destro della Santa, custodita nella chiesa Madre. In contrada Coste, tra le colline che sovrastano il centro abitato, si trova l’antichissimo oratorio rupestre-bizantino di Santa Febronia, che, tra pregevoli affreschi, ne riporta uno raffigurante il martirio di Santa Febronia.

Cranio di Santa Febronia (al centro). Chiesa San Carlo ai Catinari, Roma

L’insigne reliquia del Sacro Capo di Santa Febronia è custodito nella chiesa di San Carlo ai Catinari in Roma; la santa è pure raffigurata in una delle statue che sormontano il colonnato del Bernini in Piazza San Pietro.

LEGGI ANCHE: SANTA FEBRONIA: CHI E’